Homepage

Mister Tattoo si appassiona a quest'arte giovanissimo. 
A Riccione frequenta i primi corsi e si specializza in micropigmentazione. 
Appresa l'arte di tatuatore e sempre più convinto della forza espressiva di questa, già nel 1993 fa nascere il primo studio a Lovere (Bg). 
Dopo migliaia di tatuaggi e tanti riconoscimenti, nel 2005 si sposta nello studio di Darfo Boario Terme (Bs) e nel 2010 nell'attuale sede di Torre Pedrera(Rimini) e Rio Saliceto (Reggio Emilia), dove nella tradizionale atmosfera amichevole, continua il suo lavoro diffondendo il proprio stile.

 

CORSI PROFESSIONALI

CORSI PROFESSIONALI DI 90'-45' ORE - TATUAGGI - BODY PIERCING - TRUCCO PERMANENTE.

 

 

                           (ISCRIZIONE TUTTO L'ANNO)



Il corso è individuale ed è organizzato e tenuto da Mister Tattoo, diplomato tatuatore e piercer, operante dal 1994.

Il corso prevede sia la teoria che la pratica sul tatuaggio, piercing e trucco estetico permanente. Saranno spiegate le leggi, le normative e tutto ciò che regola questa attività. Saranno illustrati i rischi e le problematiche igienico–sanitarie che il lavoro di tatuatore comporta.

Saranno spiegati, sia sotto il profilo teorico che pratico, il funzionamento e le modalità d'uso degli strumenti (alimentatori, macchinette, ecc.) nonché le tecniche di realizzazione del tatuaggio, dall’inizio alla fine (su pelli sintetiche e di maiale)
Al termine del corso sarà rilasciato un diploma, attestante la partecipazione e la frequenza alle lezioni individuali sul l’arte del Tatuaggio, del piercing e del trucco estetico tenute dal l’artista Mister Tattoo.

* SVOLGIMENTO CORSO TATTOO e PIERCING DI 90 ORE.

* Parte I – ATTREZZATURE
* - Le attrezzature
* - Macchine e Fonti di corrente
* - Come tenere in mano la macchina, le pinze
* - Tubi, aghi e gioielli
* Parte II – STERILIZZAZIONE
* - La pelle e la sua preparazione
* - Tecniche di sterilizzazione

* Parte III – I DISEGNI
* - I disegni per tatuaggio
* - Lo stampino
* Parte IV – L’ESECUZIONE DEL TATUAGGIO e DEL PIERCING
* - Il contorno
* - Riempimenti
* - Sfumature
* - Colorazione
* - Coperture
* Parte V – GLI ASPETTI MEDICI
* - Pronto soccorso
* - Bendaggi

* Parte VI – PROVA PRATICA
* - Esecuzione pratica di tattoo e piercing su tessuto inerte

Tutti i partecipanti al corso potranno sempre contare, naturalmente, sulla possibilità di essere aiutati ON-LINE: il tatuatore Mister Tattoo, infatti, seguirà personalmente i propri allievi anche dopo il corso, sia fisicamente che telefonicamente.

NON FIDATEVI DEI CORSI AZIENDALI, in quanto mirano soltanto a vendere i prodotti delle aziende che li organizzano. Questa è un'arte che si apprende in Bottega: solo un tatuatore professionista può trasmettere quegli insegnamenti indispensabili per praticare l'arte del tatuaggio.

Io non sono un venditore di prodotti: vendo soltanto quei segreti che non troverai scritti in alcun libro o video-corso di tatuaggio!!!

Un aspirante TATUATORE può apprendere soltanto DA UN TATUATORE

PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI:
tel-3394948995
mistertattoo@aol.it
mistertattoo@alice.it

Vuoi un trucco perfetto, dalla mattina alla sera, giorno dopo giorno, anno dopo anno? La risposta è trucco semipermanente! Costituisce la soluzione per chi vuole apparire al meglio in ogni occasione. Un make up personalizzato che valorizza i tratti, e che corregge anche alcune imperfezioni di viso e corpo. 

Sempre più donne chiedono il trucco semipermanente per un'esigenza di estetica mista a praticità. Essere curate, anche appena alzate dal letto, poter andare tranquillamente in palestra o in piscina senza che sudore o acqua rovinino il make-up, non dover più stare ore davanti allo specchio, facendo attenzione a fare segni precisi: questi sono solo alcuni dei motivi che attraggono sia le ragazze sia le donne più in là con gli anni verso questo tipo di trucco. 
Inoltre non é soltanto un trucco "decorativo", ma serve anche a correggere o nascondere alcuni inestetismi come sopracciglia rade, labbra sottili, irregolarità ed asimmetrie, diradamento dei capelli, cicatrici e smagliature. 



Sicurezza 
Prima di tutto la scelta su chi affidarsi non va sottovalutata: molti si improvvisano truccatori, rovinando con una mancata serietà e professionalità la categoria. Per essere sicure, meglio rivolgersi ad un tatuatore specializzato. L'igiene inoltre é un fattore imprescindibile. 
Esistono norme di sicurezza che vanno rispettate durante una seduta di trucco semipermanente. L'apparecchio per il trucco semipermanente, il pennino per l'incisione, i pigmenti colorati, ma anche la pelle della cliente e le mani dell'operatore devono essere perfettamente sterili. Se queste regole non vengono rispettate vi è rischio di infezioni o allergie. 
Mai, quindi, avere paura di sembrare troppo esigenti (ne va della salute). Bisogna pretendere che aghi e guanti monouso vengano aperti davanti ai propri occhi. Riguardo ai pigmenti utilizzati per il trucco (di origine vegetale o minerale) non esistono pericoli di allergie in quanto sono anallergici. Chi soffre di allergie, può comunque eseguire un test preliminare, il cosiddetto "ponfo", effettuato iniettando nel braccio un po' di colorante per vedere se scatena la reazione

Come Curare il Piercing

I piercing del corpo hanno bisogno di essere puliti uno o due volte ogni giorno, per l'intero periodo iniziale di cicatrizzazione. Non puliteli più spesso perché questo può irritare il vostro piercing, e allungare la vostra guarigione. Se lo pulite una volta al giorno fatelo alla fine della giornata. La frequenza ottimale dipenderà dalla sensibilità della vostra pelle, dal livello di attività, e dai fattori ambientali.
Prima delle pulizie lavatevi le mani accuratamente con un sapone antibatterico liquido e acqua calda. Se lo desiderate potreste indossare un paio di guanti in lattice o vinile e/o utilizzare un gel igienizzante per le mani. Non bisogna MAI toccare i piercing in via di guarigione con le mani sporche. Questo è vitale per evitare infezioni.
Preparate l'area per la detersione bagnandola o immergendola con acqua tiepida e assicuratevi di rimuovere ogni crosticina usando un bastoncino cotonato e acqua tiepida. Non fatelo mai con le unghie! Questo passo è importante per la vostra guarigione.
Applicate una piccola quantità di detergente sull'area con le mani pulite. Detergete l'area e il gioiello e delicatamente rotatelo avanti e indietro alcune volte per far penetrare la soluzione all'interno.( non c'è bisogno di ruotare il gioiello durante le prime pulizie ) Permettete alla soluzione di detergere per un minuto. Utilizzate la soluzione normalmente, ma non permettete a nient'altro oltre al detergente di entrare nel piercing.
Risciacquate l'area accuratamente sotto acqua corrente mentre ruotate il gioiello avanti e indietro per rimuovere completamente il detergente dall'interno e all'esterno del piercing. Asciugate delicatamente con garze o fazzoletti di carta, perché asciugamani o altri tessuti possono accumulare batteri.
Cercate di essere pazienti. Ogni corpo è unico, e i tempi di guarigione possono variare considerevolmente. Se il vostro piercing è sensibile o forma secrezioni dovreste continuare a curarlo regolarmente, anche se il periodo normale di guarigione è già passato.
Applicare BETADINE SOLUZIONE 2 volte al giorno per una settimana..
Un piercing ben curato può guarire in circa 30 giorni.



Come curare il piercing Orale

Usare un colluttorio senza alcool 2-3 volte al giorno preferibilmente dopo i pasti.
Evitare contatti orali inclusi baci e sesso orale durante l'intero periodo di guarigione iniziale, per evitare l'intrusione di batteri nella ferita.
La vostra bocca sarà un pò scoordinata all'inizio, ma pian piano riacquisterete la padronanza dei movimenti. Evitare di masticare gomme, tabacco, unghie, penne, occhiali etc. durante la guarigione.
Non usate bicchieri, piatti e posate di altre persone. Ridurre o magari smettere di fumare è altamente consigliato. Fumare aumenta INEVITABILMENTE i rischi di guarigione. EvitareSTRESS eccessivi o ed eventuali droghe di ogni genere. Evitare grandi quantità di caffeina e e bevande alcoliche per i primi giorni.
Tra le bevande alcoliche sono incluse birre, vini, e super alcolici. Essi sono una delle cause dell'aumento di gonfiore, perdita di sangue e quindi problemi.
Evitare di ingerire cibi e bevande troppo calde, speziati o troppo salati o acidi per alcuni giorni. Cibi e bevande fredde sono ottimi e possono aiutare a diminuire il gonfiore. Non giocate col piercing durante il periodo iniziale di guarigione oltre al naturale movimento dovuto al mangiare e al parlare.
La bocca parlando e masticando aumenta il trauma del piercing quindi cercate di non parlare eccessivamente, di non giocare col gioiello e di non batterlo contro i denti. L'eccessivo stress sul piercing può causare la formazione di spiacevoli e fastidiosissimi tagli, cicatrici ed altre complicazioni.

LABBRO-GUANCIA: Siate cauti nell'aprire troppo la bocca per mangiare perchè questo mivimento potrebbe portare l'estremità del gioiello tra i denti.
Anche dopo la guarigione, giocare eccessivamente con i gioielli orali può riportare danni permanenti ai denti alle gengive e altre strutture della bocca.
Non usate TROPPI PRODOTTI diversi ma solo una soluzione detergente di ACQUA E SALE.
Per la parte esterna di labbra e guancie usare BETADINE SOLUZIONE 2 volte al giorno per una settimana ruotando il piercing per far penetrare la soluzione all'interno del buco Un piercing ben curato può guarire in 30 giorni.

Storia del Tattoo

La parola tatuaggio deriva dal polinesiano "tatau" che letteralmente significa battere o marchiare e indica il picchiettare del legnetto sull'ago per bucare la pelle. L'introduzione di questo termine polinesiano è da attribuire al capitano James Cook che nel suo diario descriveva la tecnica del tatuare degli indigeni polinesiani. Da tatau quindi poi derivò la parola inglese tattoo. Il tatuaggio è ormai provato che ha origini molto antiche: é stato trovato in una grotta in Francia un punteruolo molto appuntito ricavato da un osso di renna che molto probabilmente fu usato per tatuare durante il paleolitico superiore. Scavi archeologici hanno riportato alla luce resti di uomini e donne tatuati vissuti fino a 6000 anni fa, appartenenti a popolazioni sudamericane, nordamericane, eschimesi, siberiani, cinesi, egiziani e anche italiane. Chi si tatuava, si incideva dei segni sul corpo che dovevano comunicare un messaggio a chi li vedeva. Il tatuaggio poteva comunicare che chi lo portava era un re, un nobile, un valoroso, un guerriero, oppure uno schiavo o un delinquente, o che apparteneva a una setta religiosa, a un esercito, a un gruppo politico, a un movimenti culturale e così via. Il tatuaggio poi, era considerato un modo per abbellire il corpo, per diventare più belli. Nelle società tribali erano i re e i nobili a tatuarsi o comunemente i ricchi, coloro che potevano permetterselo; i tatuatori erano trattati con gran rispetto e ricompensati lautamente per la loro opera. Gli egizi li usavano durante le cerimonie funebri, a Roma i Legionari si tatuavano sul braccio il nome del loro generale o dell'imperatore e la data del loro ingaggio mentre venivano invece marcati per infamia i disertori, i prigionieri e gli schiavi. I Celti adoravano come divinità anche animali quali il toro, il cinghiale, il gatto, gli uccelli e i pesci e in segno di devozione se ne tracciavano i simboli sulla pelle. I Britanni, il cui nome deriva da "brith" ( dipingere ) non portavano altre vesti che dei mantelli fatti con peli di bestie selvagge e si facevano sul corpo incisioni di varie forme e figure che riempite con un succo di coloro scuro, davano loro una tinta che non si cancellava mai. Fra i primi cristiani era molto diffusa l'usanza di tatuarsi un tau, la figura delle croce di Cristo, sulla fronte. I Turchi si tatuavano simboli religiosi per garantirsi una sepoltura in terra consacrata. Poi fino ai racconti e alle spedizioni di James Cook il tatuaggio scomparve dall'Europa anche in seguito ad una Bolla Papale che ne vietava la diffusione. All'epoca di Cook nasce il tatuaggio moderno occidentale: i marinai si facevano tatuare durante i loro viaggi in oriente, imparavano le tecniche, cominciavano a tatuarsi a vicenda e nel giro di pochi anni in tutti i grandi porti europei e americani si poteva trovare un tattoo shop. Così a mano a mano il tatuaggio venne sempre più conosciuto ed apprezzato fino ad arrivare ai giorni nostri dove ormai è possibile trovare diverse tecniche e farsi tatuare ciò che più ci piace in qualsiasi parte del corpo.

Origini del tatuaggio
Guerrieri Timucua tatuati nella Florida del 1562.
Tatuaggio sul volto di un maori, fotografia fine secolo XIX

Il tatuaggio è stato impiegato presso moltissime culture, sia antiche che contemporanee, accompagnando l'uomo per gran parte della sua esistenza; a seconda degli ambiti in cui esso è radicato, ha potuto rappresentare sia una sorta di carta d'identità dell'individuo, che un rito di passaggio, ad esempio, all'età adulta.